Per i datori di lavoro che desiderano erogare strenne natalizie a favore dei propri dipendenti si ricorda che, per generi in “natura” o “fringe benefit” si intende qualsiasi bene o servizio, sia prodotto che acquistato dall’azienda e ceduto gratuitamente ai dipendenti. I più diffusi fringe benefit sono ad esempio i prodotti aziendali, l’autovettura, le assicurazioni vita ed infortuni, i prestiti finanziari, i fabbricati concessi in uso gratuito, ecc.

Fringe benefit può essere anche qualsiasi altro bene (non denaro) assegnato gratuitamente al dipendente come, ad esempio, il pacco dono di Natale, la cena aziendale, ma anche dei buoni benzina, dei buoni spesa al supermercato, delle schede telefoniche ecc. (ovviamente i “buoni” non devono essere convertibili in denaro).

L’art. 51, al c. 3, stabilisce che non concorre a formare il reddito il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore nel periodo di imposta ad € 258,23; se il predetto valore è superiore al citato limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito. Così, ad esempio, se si regala un buono benzina di valore inferiore ad € 258,23 e non c’è concomitanza di altri benefits nello stesso periodo di imposta, tale assegnazione è totalmente esente da contributi e ritenute fiscali. Bisogna però essere certi che non vi siano altri benefits perché, come dice la norma, se sommandoli si supera il limite di 258,23 Euro, tutti i benefits diventano imponibili.

Tale benefit, non è necessario riconoscerlo alla totalità dei lavoratori, ma può essere accordato liberamente, a scelta del datore di lavoro; come anche non è più necessario, come accadeva per le erogazioni liberali, che il riconoscimento venga effettuato in occasione di festività o ricorrenze.

Chi fosse interessato ad usufruire di tale disposizione ne dovrà dare comunque comunicazione al nostro Studio in tempo utile per l’inserimento sulla busta paga di dicembre perché, nonostante l’eventuale esenzione contributiva e fiscale, il controvalore dei fringe benefit riconosciuti ai dipendenti deve essere indicato nel Libro Unico del Lavoro ed anche riportato nel mod. CU e 770.

 

Sede legale: V.le Corassori, 72 - 41124 Modena (Mo)

tel. 059/35.27.70 - fax 059-/35.29.10 - P.I. 02212010363 - C.F. 02212010363

CSS Valido!