Glossario ( Pag. 2 )

Festività

1 e 6 gennaio, Pasqua e Lunedì dell'angelo, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno, 15 agosto, 1° novembre, 8 dicembre, 25 e 26 dicembre, festa del patrono.


INAIL

Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. L'INAIL persegue i seguenti obiettivi:
ridurre il fenomeno infortunistico
assicurare i lavoratori che svolgono attività a rischio
garantire il reinserimento nella vita lavorativa degli infortunati sul lavoro
L'assicurazione è obbligatoria per tutti i datori di lavoro che occupano sia lavoratori dipendenti sia lavoratori parasubordinati nelle attività che la legge individua come rischiose. La suddetta assicurazione tutela il lavoratore contro i danni derivanti da infortuni e malattie professionali causati dall'attività lavorativa ed esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile conseguente ai danni subiti dai propri dipendenti. Ulteriori info su www.inail.it.

INPS

Istituto nazionale previdenza sociale. L'INPS è il più grande ente previdenziale italiano e la sua attività principale consiste nella liquidazione e nel pagamento delle pensioni che sono di natura previdenziale e di natura assistenziale. Le prime sono determinate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate con il prelievo contributivo (es. pensione di vecchiaia, pensione di anzianità, assegno di invalidità ecc.). Le seconde sono interventi la cui attuazione è stata attribuita all'INPS, quali ad esempio: integrazione delle pensioni al trattamento minimo, assegno sociale, invalidità civili. L'INPS provvede anche ai pagamenti di tutte le prestazioni a sostegno del reddito come la disoccupazione, la malattia, la maternità, la cassa integrazione, il trattamento di fine rapporto e di quelle che agevolano coloro che hanno redditi modesti e famiglie numerose (es. assegno per il nucleo familiare). Ulteriori info su www.inps.it.

IRPEF


E' la principale imposta diretta sul reddito delle persone fisiche.  Per via del principio della progressività di imposta (art. 53 Cost.), è suddivisa in aliquote per scaglione di reddito.

Scaglione di redditoAliquote IRPEFsotto gli 8.000 Euro per i lavoratori
sotto i 7.500 Euro per i pensionati
sotto i 4.800 per i lavoratori autonomiNo tax area Da 0 a 15.000 € 23 % da 15.000 a 28.000 € 27 % da 28.000 a 55.000 € 38 % da 55.000 a 75.000 € 41 % oltre i 75.000 € 43 %

Indulto

L’indulto è insieme all’amnistia e alla grazia un atto di clemenza generale che non opera sul reato, ma esclusivamente sulla pena principale, che è in tutto o in parte condonata.
L’indulto, come la grazia, non estingue le pene accessorie, a meno che il decreto non preveda diversamente, mentre comporta la non eseguibilità delle misure di sicurezza, salvo quando la pena inflitta sia la reclusione superiore a 10 anni, ovvero la misura sia conseguente a una dichiarazione di abitualità, professionalità o tendenza a delinquere.
La competenza a concedere l’indulto spetta in via esclusiva al Parlamento con deliberazione effettuata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera in ogni suo articolo e nella votazione finale.

IVA - Imposta sul Valore Aggiunto

L’IVA è l’imposta sul valore aggiunto introdotta allo scopo di armonizzare il nostro sistema fiscale con quello della Comunità Europea. È un’imposta che colpisce solo la parte di incremento di valore che il bene subisce nelle singole fasi di produzione e distribuzione, fino ad incidere totalmente sul consumatore finale, che corrisponderà l’intero tributo.
L’IVA viene applicata con aliquote diverse su:
le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nell’esercizio di imprese, arti e professioni;
le importazioni da chiunque effettuate;
gli acquisti intracomunitari di beni.

La base imponibile su cui va calcolata l’IVA è costituita dall’ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al cedente, comprese le spese e gli oneri accessori.

Lavoratore

Persona che svolge una prestazione di lavoro. Si distingue tra lavoratore subordinato e lavoratore autonomo, a seconda che la prestazione venga svolta nei confronti del datore di lavoro, nel rispetto delle sue direttive, dietro remunerazione, ovvero in modo autonomo verso i propri clienti e committenti. E' inoltre parasubordinato colui che svolge attività di lavoro verso un committente, senza vincolo di subordinazione.
Agli effetti della legislazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, la definizione di lavoratore è più ampia intendendosi la “persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un'arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari”.

Malattia

Evento morboso che sospende il rapporto di lavoro, con diritto del lavoratore alla conservazione del posto, tutelato da un'indennità erogata dall'INPS ed eventualmente integrata dalla ditta per effetto dell'applicazione del CCNL. In caso di malattia il lavoratore è obbligato a:
1.darne tempestiva comunicazione all'azienda;
2.sottoporsi a visita del proprio medico che rilascerà un cerficato;
3.entro 2 giorni dalla data indicata sul certificato, inviarne copia al datore di lavoro indicando il proprio domicilio durante la malattia;
4.se il lavoratore ha diritto all'indennità di malattia a carico dell'INPS, deve trasmettere copia del certificato anche alla sede INPS del luogo di residenza. Va comunicata anche l'eventuale prosecuzione della malattia oltre il termine originariamente indicato.

Mansione

Insieme di attività e di compiti attribuiti ad un determinata posizione lavorativa ed alla persona che ricopre l'incarico.

Obbligo della motivazione

È un obbligo che si concretizza nel dovere da parte dei soggetti che sono tenuti a rispettarlo di spiegare quali siano stati i motivi e l’ iter logico giuridico che hanno seguito per portarli a decidere in un determinato modo piuttosto che in un altro.
L’obbligo della motivazione si distingue nell’ambito:
giurisdizionale: esso consiste nella rappresentazione e documentazione dell’iter logico-giuridico seguito dal giudice per arrivare alla decisione;
amministrativo: esso consiste nell’obbligo di enunciare l’iter logico seguito dall’Amministrazione nell’emanazione dell’atto. L’art. 3 della l. 241/90, in ossequio al principio della trasparenza, ha sancito che ogni provvedimento amministrativo deve essere motivato, ad eccezione degli atti normativi e di quelli a contenuto generale, che sono considerati a motivo libero.

Paga base

E' la retribuzione minima prevista dai diversi contratti collettivi nazionali.

Sostituto d'imposta

E' chi (datore di lavoro, ente pensionistico ecc.) per legge sostituisce in tutto o in parte il contribuente (sostituito) nei rapporti con l'Amministrazione finanziaria, trattenendo le imposte dovute dai compensi, salari, pensioni o altri redditi erogati e successivamente versandole allo Stato.

Vacatio legis

Con l’espressione vacatio legis si indica il periodo di tempo decorrente dalla pubblicazione della legge alla sua entrata in vigore.
Il periodo di vacatio legis è normalmente di 15 giorni, ma può essere abbreviato o anche allungato. Questo periodo è stato concepito dal legislatore come il tempo necessario a far sì che i destinatari del provvedimento possano prenderne conoscenza. Decorso il periodo di vacatio legis scatta la presunzione di conoscenza da parte di tutti. La legge diviene obbligatoria e diventa valido il principio generale ignorantia legis non excusat, secondo il quale non ci si può esimere dall’applicazione di una legge sostenendo di non averla conosciuta.

 

fine

 
«InizioPrec.12Succ.Fine»

Sede legale: V.le Corassori, 72 - 41124 Modena (Mo)

tel. 059/35.27.70 - fax 059-/35.29.10 - P.I. 02212010363 - C.F. 02212010363

CSS Valido!